Video – Come configurare il servizio DynDNS per accedere ai vostri impianti da remoto

Si sente sempre più parlare di comando remoto, di controllo a distanza e di servizi cloud. I produttori di dispositivi per la video-sorveglianza sono i maggiori esponenti per quanto riguarda l’utilizzo di tali servizi. Ma anche i sitemi domotici ne sono spesso coinvolti.

Esistono delle soluzioni che introducono termini come Plug&Play, Cloud, P2P, etc.

Alcuni marchi famosi ci consentono di comandare o di controllare da remoto i loro dispositivi semplicemente inquadrando un codice QR attraverso la propria App, oppure inserendo il seriale del dispositivo. Ma per garantire tali servizi, i produttori hanno praticamente l’accesso agli impianti di sicurezza che vengono installati e poco male finché tale comando implica delle automazioni o una semplice termoregolazione. Quando si comincia invece a parlare di immagini sensibili generate dagli impianti di video-sorveglianza, possiamo ben immaginare quanto si faccia importante la parola Privacy.

Come avrete sicuramente letto dai vari blog di sicurezza, HikVision e Dahua sono state ufficialmente bandite dagli USA, probabilmente a causa della loro funzione P2P che gli permette di rintracciare tutte le loro telecamere messe in rete (se la funzione è attiva).

Per garantire maggiore sicurezza per l’accesso da remoto all’impianto di video-sorveglianza infatti è spesso consigliato l’accesso diretto all’impianto tramite indirizzo IP pubblico e disabilitare il servizio P2P.

Qui sotto vi lascio una video guida su come configurare il servizio DynDNS per l’accesso da remoto al proprio impianto.

 

Il vostro parere nei commenti !